Autorizzazione all’uso dei cookie

Perchè Vittorio Bachelet

Nel 1987, quando l'istituto diventa autonomo dall'ITC "Parini" di Lecco, assume la denominazione "Vittorio Bachelet", in ricordo dell'illustre giurista, particolarmente legato al mondo dei giovani, dei quali ha avuto a cuore la crescita umana e culturale.

Chi è Vittorio Bachelet

Vittorio Bachelet nasce a Roma il 29 Febbraio del 1926 da Giovanni e Maria Bosio.
Frequenta il Liceo Classico e nel 1943 consegue la licenza liceale.
Si inscrive alla facoltà di giurisprudenza e durante questo periodo cresce il suo impegno all'interno della FUCI.
Il 24 Novembre 1947 si laurea con una tesi "I rapporti con lo Stato e le Organizzazioni Statali".
Nell'anno accademico 1947/48 è asssistente volontario presso la cattedra di Diritto Amministrativo.
Il 26 giugno 1951 sposa Maria Teresa De Januario, dalla quale ha due figli Maria Grazia e Giovanni.
Il 13 aprile 1952 nasce la figlia Maria Grazia.
Il 3 maggio 1955 nasce il figlio Giovanni.
Dal 1956 al 1959 insegna Istituzioni di Diritto Amministrativo presso l’Accademia e Scuola di Applicazione della Guardia di Finanzia.
Nel 1957 consegue la libera docenza in Diritto Amministrativo e in Istituzione di Diritto Pubblico. Pubblica la sua prima opera monografica di contenuto giuridico: “L’attività di coordinamento nell’amministrazione pubblica dell’economia”.
Dal 1958 al 1961 insegna Diritto Amministrativo presso la facoltà di Giurisprudenza di Pavia.
Nel 1959 viene nominato da Giovanni XXIII Vice-Presidente della Azione Cattolica Italiana.
Dal 1961 insegna prima Diritto Pubblico e poi Diritto Amministrativo, nella facoltà di Scienze Politiche di Trieste; sarà ordinario dal 1965.
Nel 1964 è nominato da Paolo VI Presidente dell’Azione Cattolica Italiana.
Nel 1974 è docente ordinato di Diritto Pubblico dell’Economia presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Roma “La Sapienza”.
Nel 1976 dopo l’elezioni amministrative di giugno, è eletto a Roma in Consiglio Comunale.
Il 21 dicembre 1976 viene eletto Vice-Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura.
Il 12 febbraio 1980 è ucciso dale Brigate rosse al termine di una lezione universitaria.